Shopping Cart
Your Cart is Empty
Quantity:
Subtotal
Taxes
Shipping
Total
There was an error with PayPalClick here to try again
CelebrateThank you for your business!You should be receiving an order confirmation from Paypal shortly.Exit Shopping Cart

Dr.ssa Michela Barducco

Dietista, Naturopata, Counselor e Floriterapeuta

Formazione in Riflessologia Plantare

Alimentazione e trattamenti naturali

L'ORTICA

L'ortica è una pianta spontanea urticante, cioè in grado di provocare prurito e bruciore al contatto, di ampia diffusione. 

Per evitarne gli effetti urticanti è sufficiente raccogliere l'ortica afferrandola dal basso verso l'alto tuttavia, per essere sicuri, è preferibile raccoglierla con i guanti.

L'ortica ha un basso apporto calorico, contiene buone quantità di betacarotene, vit. C, calcio, ferro, potassio, manganese, silicio; ha proprietà antianemiche, digestive, astringenti (grazie alla presenza di tannini), risultando perciò utile in caso di diarrea, diuretiche, depurative e galattogene, favorisce cioè la produzione del latte materno, e il suo consumo risulta pertanto utile durante l'allattamento.

L'ortica non è usata comunemente come alimento, tuttavia è ottima per la preparazione di pasta ripiena e ripieni in genere, frittate (da cuocere preferibilmente al forno!) e anche minestroni.

Frittata di ortiche (per 4 porzioni)

Cuocete a vapore un mazzo di ortiche e scaldate il forno a 200°C .

Sbattete 6 uova con 4 C di parmigiano, qualche fogliolina di menta, 1 macinata di pepe e 1 pizzico di sale; unite l'ortica tritata, versate il composto in una teglia ampia e bassa rivestita con carta da forno, in modo da formare uno strato abbastanza sottile e infornate. Quando la frittata risulta rappresa giratela su un altro foglio di carta da forno e infornate nuovamente appoggiando la carta forno direttamente sulla placca del forno; a fine cottura se non risulta abbastanza dorata passate brevemente sotto il grill. Ottima accompagnata con insalate tenere e delicate, ad esempio lattughino.

0