Shopping Cart
Your Cart is Empty
Quantity:
Subtotal
Taxes
Shipping
Total
There was an error with PayPalClick here to try again
CelebrateThank you for your business!You should be receiving an order confirmation from Paypal shortly.Exit Shopping Cart

Dr.ssa Michela Barducco

Dietista, Naturopata, Counselor e Floriterapeuta

Formazione in Riflessologia Plantare

Alimentazione e trattamenti naturali

L'IPERTENSIONE

Il rischio cardiovascolare legato alla pressione      

aumenta progressivamente a partire da 115/75 mm Hg.

Sopra questi valori si è già a maggior rischio

e sopra 160/95 si parla già di ipertensione.

NORMALE

< 120/80

PRE IPERTENSIONE

120/80 - 140/90

IPERTENSIONE DI I GRADO

140/90 - 160/100

IPERTENSIONE DI II GRADO

  >160/100

La pressione deve essere mantenuta nell'ambito "normale",

con valori inferiori a 120/80,

tanto più sono presenti altri fattori di rischio cardiovascolare

(fumo, sedentarietà, diabete, pregressi incidenti cardiovascolari),

mentre potrebbe risultare comunque soddisfacente un valore compreso

tra 120/80 e 140/90, caratteristico di uno stato di "pre ipertensione" in una donna sana che non presenti altri fattori di rischio.

L’ipertensione grave va trattata farmacologicamente mentre nei casi d’ipertensione lieve o moderata si può ottenere un ottimo risultato migliorando lo stile di vita e l’alimentazione; il miglioramento dello stile di vita e dell'alimentazione sono importanti comunque anche in associazione alla terapia farmacologica (di pertinenza medica).

L’obiettivo di una terapia antipertensiva, attuata unicamente con le modificazioni dell'alimentazione e dello stile di vita o anche con la terapia farmacologica, non è una generica riduzione pressoria, ma il raggiungimento di valori pressori normali (o quantomeno sotto 135/80), tanto più in presenza di altri fattori di rischio cardiovascolare.

La terapia dell’ipertensione tramite l’alimentazione, conosciuta come DASH (Dietary Approaches to Stop Hypertension), pone particolare attenzione ad alcuni aspetti dell'alimentazione:

  • consumo di frutta e verdura
  • utilizzo di cereali integrali
  • consumo di frutta in guscio, pesce, carne bianca, latte e derivati a basso contenuto di grassi
  • assunzione di quantità adeguate di calcio, magnesio e potassio
  • limitazione dell'assunzione di grassi, soprattutto saturi, e colesterolo.

Secondo le indicazioni dell'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità),l'assunzione di sodio dovrebbe essere limitata a meno di 2 grammi al giorno mentre il potassio andrebbe assunto almeno nella quantità di 3,5 grammi al giorno.

Alle indicazioni della dieta DASH sono da aggiungere: 

  • la riduzione dell’alcol
  • la riduzione o meglio la cessazione del fumo
  • l' astensione dal consumo di liquirizia
  • un'assunzione controllata di caffeina
  • la riduzione del peso corporeo
  • il consumo di alimenti dalle proprietà protettive rispetto alla patologia cardiovascolare come cacao e tè verde, meglio deteinato
  • lo svolgimento di una regolare attività fisica, intesa anche come stile di vita attivo

L'approccio nutrizionale all'ipertensione

In caso di ipertensione è importante:

  • valutare la presenza di altri fattori di rischio cardiovascolare
  • valutare la necessità di perdere peso ed eventualmente adottare una dieta a ridotto apporto calorico in modo da ottenere un calo ponderale
  • porre particolare attenzione al mantenimento di un peso salutare nel lungo termine
  • mettere in atto modifiche qualitative della dieta con particolare attenzione al consumo di frutta e verdura, all'utilizzo di cereali integrali, al consumo di frutta in guscio, pesce, carne bianca, latte e derivati a basso contenuto di grassi, all'assunzione di quantità adeguate di calcio, magnesio e potassio, alla limitazione dell'assunzione di grassi, soprattutto saturi, e colesterolo, alla limitazione dell'assunzione di alcol (che comunque non va totalmente eliminato, dati gli effetti protettivi di un consumo moderato di vino)
  • fornire informazioni su quelle sostanze che possono avere effetti negativi in caso di ipertensione (ad esempio liquirizia e caffeina) e valutare la necessità di limitarne o evitarne il consumo
  • fornire informazioni sugli alimenti che possono avere effetti positivi in caso di ipertensione (come cacao e tè verde), in modo da introdurli in maniera adeguata
  • fornire informazioni rispetto agli altri fattori di rischio cardiovascolare ed attuare un'educazione alimentare volta alla riduzione non solo della pressione ma del rischio cardiovascolare in generale
  • promuovere modifiche riguardanti lo stile di vita come la cessazione del fumo (l'eventuale aumento ponderale che può verificarsi quando si smette di fumare potrà essere prevenuto adottando adeguate strategie e comunque i vantaggi di smettere di fumare risultano superiori) e lo svolgimento di una regolare attività fisica (intesa anche come stile di vita attivo)

Chi lo desidera può partecipare ai gruppi di cammino o ai corsi di fitwalking.

Nel caso di disturbi cardiovascolari è utile dunque intervenire sull'alimentazione e sullo stile di vita nel suo complesso ma anche sulla gestione dello stress dato che i fattori emotivi possono sovente giocare un ruolo rilevante; è importante trattare non solo il disturbo ma la persona nel suo complesso, nella sua unità psicofisica, secondo una visione olistica. 

Chi lo desidera può partecipare ai gruppi di cammino o ai corsi di fitwalking.

L'utilizzo di specifici INTEGRATORI ALIMENTARI, tra cui fitoderivati, andrà valutato caso per caso e potrà integrare il trattamento dietetico e la modifica dello stile di vita.

Un SUPPORTO AL TRATTAMENTO può essere rappresentato dalla REFLESSOLOGIA PLANTARE: si tratta di una tecnica corporea bionaturale che fa parte delle terapie naturali o trattamenti terapeutici complementari, anche definite discipline bionaturali.

Può essere utilizzata a scopo preventivo o come supporto nel caso in cui siano già presenti problematiche, per ottenere "semplicemente" un aumento del benessere generale, un effetto rilassante o tonificante o riequilibrante, per la sua azione positiva sulla forza vitale e di riequilibrio energetico, per rafforzare il sistema immunitario, per depurare l'organismo.

La Reflessologia Plantare può rappresentare un utile complemento ad altre cure, complementari o convenzionali, in diversi disturbi tra cui l'ipertensione.

Un SUPPORTO può essere rappresentato anche dalla FLORITERAPIA, un metodo naturale e sicuro per ristabilire l'equilibrio e l'armonia di corpo e mente.

Tale approccio si basa su un'interpretazione olistica dei concetti di salute, malattia e guarigione.

Il sistema floreale di Bach comprende 38 fiori tra i quali possono essere scelti quelli più adatti alla situazione specifica, in base alle caratteristiche individuali di chi dovrà assumerli e/o in base alle problematiche per le quali i fiori vengono assunti.

Ovviamente l'INTERVENTO andrà sempre PERSONALIZZATO.

0