Shopping Cart
Your Cart is Empty
Quantity:
Subtotal
Taxes
Shipping
Total
There was an error with PayPalClick here to try again
CelebrateThank you for your business!You should be receiving an order confirmation from Paypal shortly.Exit Shopping Cart

Dr.ssa Michela Barducco

Dietista, Naturopata, Counselor e Floriterapeuta

Formazione in Riflessologia Plantare

Alimentazione e trattamenti naturali

I FICHI

I fichi sono frutti zuccherini (11,2% di zuccheri) e moderatamente calorici (47 kcal/100 g); golosi e ricchi di nutrienti sono uno spuntino ideale per chiunque (ricordiamoci però che sono controindicati in caso di diverticolosi, per la presenza dei 'semini') e in particolare per i bambini e per gli sportivi (come spuntino energetico 'da asporto' sono perfetti i fichi secchi ma attenzione a non esagerare con la quantità, dato l'apporto calorico considerevole!): forniscono una pronta ricarica di energia ed hanno anche un ottimo effetto rimineralizzante.

I fichi contengono soprattutto potassio (270 mg/100 g), calcio (43 mg/100 g) e fibre (2 g/100 g), soprattutto insolubili (1,38 g/100 g) ma anche solubili (0,63 g/100 g); contengono inoltre ferro, e oligoelementi come manganese e nichel.

I fichi, avendo effetti moderatamente lassativi, sono particolarmente indicati in caso di stipsi.

I fichi, dolci e saporiti, possono essere consumati al naturale o possono entrare nella preparazione di dolci; ottimi anche i fichi secchi (ricordiamo però che una porzione da 150-170 g di fichi freschi corrisponde a c. 30 g di fichi secchi). Ricordiamo di consumarli entro tempi brevi dopo l'acquisto o la raccolta, perché sono piuttosto delicati e si conservano per tempi brevi.

I fichi che maturano a giugno e luglio sono conosciuti con il nome di "fioroni" o "primaticci", hanno polpa più asciutta rispetto alle altre varietà e si conservano più a lungo; i fichi che maturano tra agosto e settembre sono conosciuti con il nome di "forniti" mentre in autunno arrivano a maturazione i "tardivi". Il fico nero ha buccia sottile, è particolarmente delicato e ha la polpa molto profumata; il fico verde ha polpa più asciutta di quello nero (ma meno del "fiorone") ed è meno delicato.

Plum cake ai fichi

Cuocere per c. 15-20' 400 g c. di fichi tagliati in quarti con qualche cucchiaio d'acqua e 1 cucchiaio di zucchero di canna integrale, facendo caramellare leggermente.

Montare con una frusta elettrica 4 uova con 150 g di zucchero di canna integrale e unire al composto 100 ml di olio di oliva extravergine, 400 g di farina integrale, 1 bustina di lievito e 100 ml di latte parzialmente scremato o di latte di soia.

Versare metà del composto in uno stampo da plum cake di silicone (oppure rivestito di carta da forno) e versarvi sopra quasi tutti 3/4 dei fichi cotti; aggiungere il composto rimanente , livellarlo e completare con i fichi rimasti.

Cuocere in forno a 180 °C per c. 45'.

Questo plum cake, goloso e nutriente, è ideale per chiunque a colazione (senza esagerare con la quantità) e per la merenda dei bambini o di chi non ha problemi di eccesso ponderale ed ha uno stile di vita attivo; l'utilizzo dell'olio al posto del burro aiuta a limitare il contenuto di colesterolo e grassi saturi, rendendo il dolce adatto anche in caso di dislipidemia (non esageriamo però visto che comunque contiene le uova), mentre l'utilizzo della farina integrale (il dolce è molto ricco di fibre sia per la presenza della farina integrale sia per la presenza dei fichi) permette di abbassare l'indice glicemico e lo rende particolarmente indicato in caso di stipsi.

0