Shopping Cart
Your Cart is Empty
Quantity:
Subtotal
Taxes
Shipping
Total
There was an error with PayPalClick here to try again
CelebrateThank you for your business!You should be receiving an order confirmation from Paypal shortly.Exit Shopping Cart

Dr.ssa Michela Barducco

Dietista, Naturopata, Counselor e Floriterapeuta

Formazione in Riflessologia Plantare

Alimentazione e trattamenti naturali

I CAVOLINI DI BRUXELLES

I cavolini o cavoletti di Bruxelles appartengono (come i cavoli, i cavolfiori e i broccoli) alla famiglia delle Crucifere, caratterizzata da proprietà antitumorali: i cavolini, come gli altri membri della famiglia sono in grado di prevenire in particolare alcune forme di tumore al seno, alle ovaie e all'intestino.

Poveri di calorie (30 kcal/100 g) e con un buon potere saziante sono indicati in caso do sovrappeso per limitare l'apporto calorico; sono ricchi di ferro (1,1 mg/100 g), potassio (450 mg/100 g), fosforo (50 mg/100 g), calcio (51 mg/100 g), vit. B9, vit. C (81 mg/100 g), che tuttavia risente della cottura, e antiossidanti in genere. In particolare il contenuto di calcio e ferro li rende indicati per chi segue una dieta vegetariana o vegana, mentre l'elevato contenuto di fibre (5 g/100 g) li rende particolarmente utili in caso di stipsi.

I cavolini di Bruxelles possono essere preparati semplicemente lessati o meglio cotti a vapore e conditi con olio e magari limone, in modo da aumentare l'assorbimento del ferro (grazie alla vit. C), in umido o stufati; possono essere consumati come contorno o entrare nella preparazione di primi piatti asciutti o minestre, anche se il modo più classico per cucinarli è gratinarli in forno con besciamella, burro e parmigiano: il piatto sicuramente è saporito ma tutt'altro che dietetico, perciò è consigliabile riservarlo a consumo occasionale oppure rivedere la ricetta classica per "alleggerirla", ad esempio preparando la besciamella con olio d'oliva extravergine anziché burro e sostituendo tutto o parte del latte con brodo vegetale o ancora utilizzando latte scremato, evitando di aggiungere olio o burro foderando il recipiente di cottura con carta da forno, consumando la preparazione come secondo piatto anziché come contorno (calcolando c. 40-50 g di parmigiano a porzione).

Cavolini Bruxelles stufati (per 4 porzioni)

Fate sbollentare 600 g c. di cavolini per 5' in acqua leggermente salata.

Fate appassire 2 scalogni affettati finemente con poco brodo vegetale, aggiungete i cavolini precedentemente sbollentati e proseguite la cottura aggiungendo altro brodo vegetale per c. 15-20'.

Piatto ricco di fibre e sali minerali ma povero di calorie, ideale per accompagnare un piatto di cereali integrali; condire a crudo con 1 C di olio e a piacere con semi di sesamo.

0