Shopping Cart
Your Cart is Empty
Quantity:
Subtotal
Taxes
Shipping
Total
There was an error with PayPalClick here to try again
CelebrateThank you for your business!You should be receiving an order confirmation from Paypal shortly.Exit Shopping Cart

Dr.ssa Michela Barducco

Dietista, Naturopata, Counselor e Floriterapeuta

Formazione in Riflessologia Plantare

Alimentazione e trattamenti naturali

Il mio blog

Blog

PORRIDGE RAPIDO IN BARATTOLO

Posted on October 10, 2016 at 6:46 PM Comments comments (50)
Se la mattina non avete tempo di preparare il porridge con la ricetta classica, che prevede un seppur breve cottura, potete optare per questa alternativa rapida: preparate tutti gli ingredienti la sera in un barattolo di vetro e la mattina avrete già pronta una colazione gustosa, sana e nutriente. 
Il porridge può essere preparato sia con latte vaccino sia con latte vegetale (io utilizzo il latte di soia) e in questo caso sarà ideale per chi non assume latte e derivati (ad esempio in caso di intolleranza al lattosioallergia alle proteine del latte vaccinodieta vegana); in ogni caso avrete una prima colazione saziante, a basso indice glicemico, ricca di fibre e povera di grassi, quindi adatta a chiunque e in particolare a chi ha la necessità di favorire il controllo glicemico, il controllo del peso e in caso di stipsi dislipidemia (soprattutto se utilizzate il latte vegetale).


Per 1 persona

La sera unite in un barattolo di vetro (con coperchio) 40-50 g di fiocchi di cereali integrali di vostra scelta (io di solito uso fiocchi d'avena e orzo), 1 C di semi di zucca e di chia (i semi di chia daranno anche maggiore consistenza alla preparazione), 20-30 g c. di frutta essiccata (a me piace soprattutto con albicocche o datteri a pezzetti, ma è possibile scegliere anche altra frutta essiccata e sperimentare diverse combinazioni) e c. 200 ml di latte vegetale o di latte vaccino (per una preparazione più cremosa è possibile utilizzare metà latte e metà yogurt); mescolate bene, chiudete con il coperchio e riponete in frigo.
La mattina aggiungete qualche gheriglio di noce o qualche mandorla e, se volete, qualche pezzetto di frutta fresca e la vostra colazione sarà pronta.

Se avete tempo e i primi freddi vi fanno desiderare una colazione calda potete anche provare la ricetta classica del porridge.





Ananas in salsa di avocado

Posted on November 1, 2015 at 9:34 AM Comments comments (30)
(per 4 porzioni)

Dopo aver sbucciato l'ananas ed averne eliminato il torsolo (che eventualmente potrete utilizzare centrifugandolo con altri frutti o frullandolo per inserirlo nella preparazione di torte dolci) tagliatelo a fette molto sottili che riporrete in frigo. Raccogliete il succo che fuoriesce dall'ananas  e frullatelo con mezzo avocado,il succo di mezzo limone e 1 C di olio evo.
Disponete le fette di ananas nei piatti e conditele con la salsa ottenuta.
Cospargete con 1 c di paprica dolce. 

Questo piatto si presta ad essere servito come antipasto leggero o come accompagnamento a piatti di carne (l'ananas  è infatti in grado di facilitare la digestione delle proteine).

Polpettine di tofu

Posted on October 29, 2015 at 5:26 PM Comments comments (30)
(per 2 porzioni)

Frullate 300 g di tofu con 60 g c. di pangrattato, erbe aromatiche scelte in base ai vostri gusti (maggiorana, ma anche timo o salvia), 30 g di farina integrale, 1 spicchio di aglio, 1 macinata di pepe e 1 pizzico di sale. 
Formate delle polpettine con le mani bagnate e passatele in un miscuglio di fiocchi d'avena e semi di sesamo.
Cuocete le polpettine in forno a 180°C finché sono dorate (c. 20'). 

FRITTATA DI FARINA DI CECI CON ZUCCHINE

Posted on October 26, 2015 at 8:50 PM Comments comments (89)
(per 4 porzioni)

Amalgamare 150 g di farina di ceci e 50 g di farina con 300 ml di acqua (per un piatto più nutriente possiamo usare metà acqua e metà latte di soia); lasciare riposare per c. 10'.
Aggiungere 1 c di bicarbonato o di polvere lievitante a base di cremortartaro e bicarbonato, 1 pizzico di sale, 6 zucchine grattugiate (o altre verdure in base alla stagione: perfette per esempio carote grattugiate, spinaci, cipolla porri affettati fini), 1 c di curry e maggiorana.
Cuocere in forno a 200°C con carta da forno finché prende colore e girando a metà cottura o in padella antiaderente.

Hamburger di lenticchie

Posted on October 26, 2015 at 8:19 PM Comments comments (31)
(per 4 porzioni)

Lessare 200 g di lenticchie rosse decorticate e 1 cipollain brodo vegetale per c. 20'.
Frullare con timo, 1 pizzico di sale, 100 g di mollica di pane e formare 4 hamburger, con le mani bagnate o aiutandosi con un coppa-pasta. Se il composto risulta troppo morbido aggiungere 1-2 C di pangrattato.
Infornare e cuocere in forno a 200°C per c. 20'.

Hummus di bababietola

Posted on October 25, 2015 at 7:16 PM Comments comments (331)
(per 4 porzioni)

Frullate 400-500 g di barbabietola precotta con 320 g di ceci bolliti, 2 C di tahin (crema di sesamo), il succo di 1 limone, 1 pizzico di sale, 1 c di cumino e olio evo, fino ad ottenere una crema omogenea (all'occorrenza aggiungete un filo d’olio o acqua).

Accompagnate con verdure crude (o al vapore) e pane tostato.

Ottimo come antipasto, seguito da un primo piatto condito semplicemente con verdure o salsa di pomodoro.

Porridge

Posted on January 9, 2015 at 10:36 AM Comments comments (81)
Questa è la ricetta, semplice e velocissima, che io uso per preparare il porridge da consumare a colazione. 
Ottimo alimento per chi non assume latte e derivati (ad esempio in caso di intolleranza al lattosio, allergia alle proteine del latte vaccino, dieta vegana) e vuole fare una prima colazione saziante, a basso indice glicemico, ricca di fibre e povera di grassi; quindi adatto a chiunque e in particolare a chi ha la necessità di favorire il controllo glicemico, il controllo del peso e in caso di stipsi e dislipidemia.


Per 1 persona

Mescolare in un pentolino antiaderente 40 g c. di fiocchi d'avena con 200 ml c. di latte di soia, lasciare riposare per 5-10' e successivamente cuocere su fuoco basso per 5' c.
Fuori dal fuoco aggiungere a piacere 1 porzione di frutta fresca o secca a dadini (1 piccola banana/1 mela/1 pera/30 g c. di albicocche secche/prugne secche/datteri/fichi secchi) e/o frutta in guscio o semi (10-20 g di noci/mandorle tritate o spezzettate o semi di lino macinati a freddo).
A me piace aggiungere una spolverata di cannella o di cacao amaro; chi desidera dolcificare il porridge può aggiungere poco sciroppo d'agave.
Lasciare riposare qualche minuto prima di consumare.

Torta di banane

Posted on February 24, 2014 at 11:18 AM Comments comments (2)
Questa torta, adatta a colazione per tutti e per la merenda dei bambini (o di chi ha uno stile di vita attivo e non ha problemi nel controllo del peso corporeo), è particolarmente ricca di fibre (per la presenza delle banane e l'utilizzo di farina integrale) e povera di colesterolo e grassi saturi (sono presenti 2 uova ma viene utilizzato olio anziché burro), quindi adatta in caso di dislipidemia e in tutti i casi in cui si vuole limitare l'apporto di colesterolo e grassi saturi. Il contenuto di fibre la rende utile in caso di stipsi e contribuisce ad abbassarne l'indice glicemico; è inoltre indicata in caso di intolleranza al lattosio e allergia alle proteine del latte vaccino, essendo priva di latte e derivati. 

Sbattere 2  tuorli (tenere gli albumi da parte, per poi montarli a neve con 1 pizzico di sale) con 140 g di miele (se non amate il sapore del miele è possibile sostituirlo con altrettanto zucchero di canna); aggiungere 120 g di olio evo e continuare a sbattere. Unire al composto 2 banane affettate e 70 g di mandorle tritate e frullare con il frullatore ad immersione; unire ancora 225 g di farina integrale miscelata a 1/2 bustina di lievito in polvere e se vi piace 1 pizzico di cannella e sbattere ancora con le fruste per amalgamare bene tutti gli ingredienti. Incorporare infine gli albumi montati a neve. 
Cuocere in forno a 180°C (utilizzando una teglia unta e leggermente infarinata) per c. 30-40' (finché uno stecchino di legno infilato al centro del dolce ne uscirà asciutto).

Cavolini di Bruxelles e cavolfiori cremosi

Posted on January 2, 2014 at 8:49 PM Comments comments (2)
Ingredienti per 4 persone
1 cavolfiore piccolo, 1/2 kg di cavolini di Bruxelles, 400 g c. di tofu, 1/2 l di latte di soia, 2 C di farina, sale, peperoncino

Lessare al dente in acqua leggermente salata il cavolfiore diviso in cimette e i cavolini di Bruxelles.
Frullare il tofu con la farina, il latte di soia e 1 pizzico di sale e cuocere a fiamma bassa in modo da fare addensare la salsa; regolare di sale e unire 1 pizzico di peperoncino in polvere o peperoncino macinato al momento.
Disporre in una pirofila antiaderente o rivestita con carta da forno il cavolfiore e i cavolini lessati in precedenza e versarvi sopra la salsa ottenuta. Volendo è possibile aggiungere in superficie 1 manciata di mandorle tritate grossolanamente: in questo modo il piatto sarà un po' più calorico ma ancora più ricco di nutrienti (le mandorle sono una buona fonte di grassi insaturi, oltre a contenere proteine e calcio).
Passare in forno caldo per 10' c. e gratinare leggermente.

Questo è un ottimo secondo piatto, ricco di proteine, fibre e sali minerali; contiene inoltre sostanze antiossidanti ed antitumorali. Indicato quando si vuole limitare l'apporto calorico (in caso di sovrappeso e obesità o comunque per evitare eccessi calorici), perché povero di grassi e poco calorico ma dotato di un buon potere saziante. è una buona scelta anche in caso di dislipidemia, risulta infatti privo di colesterolo, e in caso di intolleranza al lattosio o allergia alle proteine del latte vaccino; risulta particolarmente indicato in caso di dieta vegetariana e vegana, per l'elevato apporto di proteine vegetali, calcio e ferro: i cavolini di Bruxelles sono una buona fonte vegetale di calcio e ferro mentre il tofu (soprattutto se preparato con solfato di calcio) contiene, oltre che proteine, anche buone quantità di calcio; per aumentare l'assorbimento del ferro contenuto nei cavolini è utile introdurre nel pasto una fonte di vitamina C (ad esempio un'insalata condita con succo di limone o arricchita con agrumi a inizio pasto, ottima l'insalata con le arance, oppure agrumi o kiwi a fine pasto).

Metodi di cottura - La frittura

Posted on July 27, 2013 at 9:36 AM Comments comments (83)
La frittura non è sicuramente il metodo di cottura da preferire per una cucina 'dietetica' ed è un metodo non indicato per un regime alimentare che miri ad una diminuzione del peso corporeo e più in generale ad una prevenzione cardiovascolare; tuttavia, se inserita all'interno di un'alimentazione equilibrata e di uno stile di vita corretto ed eseguita correttamente, qualche frittura occasionale può essere concessa senza troppi timori.
La frittura resta dunque un metodo di cottura da riservare a poche occasioni ma seguendo alcune semplici regole se ne possono ridurre gli svantaggi

  • Estrema importanza riveste la scelta del grasso in cui cuocere gli alimenti; il più adatto è quello che presenta un basso grado di in saturazione e un punto di fumo abbastanza elevato, cioè la più bassa temperatura a cui un grasso inizia a decomporsi per effetto del calore. L’olio che meglio corrisponde a questi requisiti è l’olio di oliva extravergine, mentre tra gli oli di semi (decisamente più economici) i più adatti sono l’olio di arachide e l'olio di sesamo 
  • Negli alimenti da friggere, per evitare di accelerare l’alterazione dell’olio, è opportuno limitare il più possibile la presenza di acqua ed evitare l’aggiunta di sale e spezie, che andranno aggiunti in un secondo momento.
  • Evitare che la temperatura dell’olio superi i 180°, per non accelerare l’alterazione dell’olio.
  • Dopo la frittura è bene agevolare l’eliminazione dell’eccesso di olio assorbito dall'alimento, ponendolo su carta assorbente.
  • Sostituire frequentemente l’olio utilizzato, tenendo presente che un olio imbrunito, viscoso e che tende a produrre fumo, va sostituito.
  • Evitare la pratica della “ricolmatura” (aggiunta di olio fresco a quello usato); l’olio fresco si altera infatti molto più rapidamente a contatto con l’olio usato.
  • Proteggere oli e grassi dalla luce. 

Verdure in pastella di farina di ceci
Tagliare verdure di stagione a scelta a rondelle, fettine sottili, bastoncini, nastri.
Preparare una pastella con 10 C di farina di ceci e 10 C di acqua: la pastella preparata in questo modo risulterà piuttosto densa; se si desidera una pastella più fluida aggiungere un cucchiaio d'acqua per volta fino ad ottenere la consistenza desiderata.
Portare a temperatura olio extravergine di oliva (in quantità sufficiente a potervi immergere le verdure) in una padella per frittura o in un wok o nella friggitrice; immergere le verdure nella pastella (lasciando colare la pastella in eccesso) e nell'olio caldo poche alla volta (in modo da non farne abbassare eccessivamente la temperatura).
Porre le verdure su carta assorbente (in modo da facilitare l'eliminazione dell'olio in eccesso) e salare.
Piatto da riservare ad occasioni particolari, evitandone il consumo quotidiano;  ideale come antipasto sfizioso ma anche ricco di fibre: la presenza della farina di ceci nella pastella contribuisce ad aumentarne l'apporto proteico e la frittura facilita l'accettazione e l'avvicinamento al consumo di una maggiore varietà di ortaggi da parte dei bambini.

0